lunedì 28 febbraio 2011

Bounty Hunter Quick Draw II


In questo post abbiamo fatto la traduzione della review di un noto cercatore di tesori americano in merito alle prestazioni del QDII.
Il QDII è un gran metal detector, ma se usato in condizioni corrette.
Quando lo si utilizza in un tipo di terreno umido si comporta alla grande, sfondando parecchio in profondità rimanendo precisa, io in queste condizioni ho rilevato un bel paio di proiettili 303 della seconda guerra mondiale fino a 18/20 cmq, però quando lo si utilizza in alcuni letti di fiumi d'acqua dolce molto grezzi, su montagne rocciose, in battigia o sul vulcanico il rilevatore sarà difficilmente utilizzabile.
In queste condizioni l'apparecchio emette un segnale acustico continuo, tanto che in alcuni luoghi particolarmente mineralizzati è addirittura impossibile tenerlo acceso.

In questi casi, l'unità può ancora rilevare abbastanza in profondità ma di solito si hanno molti falsi segnali che ci costringono a ripassare la piastra più volte in modo da vedere la ripetibilità del segnale ed eventualmente decidere se scavare.
Il mio suggerimento, se ci si vuole divertire con questo strumento è quello di utilizzarlo in montagna al massimo delle prestazioni in terreni poco mineralizzati.
In conclusione, si dovrebbe prendere nota delle condizioni del terreno dove si andrà a spazzolare prima di acquistare questa macchina, è perfetta per le zone più vicine alla costa, è stato in grado di trovare piccoli chiodi a fino a 16 cm di profondità direttamente sotto una torretta delle linee elettriche, quindi se si spazzola in una zona dove ci si aspetta interferenze elettriche questo rivelatore è eccellente.
Molto consigliato per il coinshooting, reliquie e gioielli, ma se si spazzola in zone con una ragionevole quantità di ferro, latta o qualsiasi mineralizzazione metallica si scaverà molto, infatti non è che abbia una grandissima discriminazione.
Comunque il relazione al rapporto qualità prezzo, diciamo che è una buona macchina leggera, robusta nei materiali e con una discreta profondità.

Nessun commento:

Posta un commento